Prodotti

Aree grigie e banda ultralarga, finalmente qualcosa di concreto

26 feb 2019
fibraottica

Negli anni scorsi si è parlato molto di superare il digital divide, ora si parla molto aree grigie. Quello che non cambia è la sostanza: la diffusione della connettività nel territorio nazionale è  a macchia di leopardo e col passare degli anni diventa sempre più insostenibile, soprattutto per le aziende, essere connessi a bassissima velocità o in alcuni casi essere totalmente tagliati fuori dalle connessioni in fibra.

Questo , in un contesto in cui il 5G sta diventando ogni giorno più reale, divide l’Italia tra chi ha accesso alle infrastrutture tecnologiche e chi purtroppo ne è tagliato fuori.

L’impulso a colmare questo gap arriva dall ’Unione Europea che tramite il Cebf (Connecting Europe Broadband Fund) si pone l’obiettivo di finanziare progetti per portare la banda ultralarga anche in tutte le zone in cui, per motivi sia economici che logistici fino ad ora non è stata portata, soprattutto in ambito industriale. La novità di questo finanziamento europeo è che potranno accedervi anche piccoli operatori locali che agendo in territori di riferimento sono riusciti ad individuare aree industriali in cui l’arrivo della banda ultralarga potrà portare benefici sia alle aziende che fino ad ora ne sono state sprovviste sia agli operatori che potranno aumentare il proprio bacino di utenza.

Il Cebf metterà a disposizione ben 420 milioni di euro e potranno essere presentati progetti che vanno da un minimo di 1 milione di euro fino a 30 milioni di euro. Il vincolo a cui nessun operatore potrà sottrarsi sarà quello di garantire almeno 100 Mb. Si fa quindi sul serio il tutto nell ’ ottica di portare, soprattutto a livello aziendale una connessione che permetta sia di poter competere sul mercato globale sia di essere pronti a tutte le opportunità che arriveranno con il 5G.

Potrebbe piacerti anche ...

    Flotte aziendali , come connettersi ad internet?

    20th maggio 2020
    Una delle sfide più interessanti quando si parla di connessioni mobili è sicuramente quella di connettere veicoli di una flotta aziendale. La mobilità e la possibilità di poter accedere alla rete internet ed ai tool aziendali in qualsiasi momento e soprattutto senza limitazioni di copertura, rende il lavoro in mobilità più efficiente e permette ai [...]
    maggiori info

    Ripetitore di segnale mobile per barche, scopri come essere sempre connesso.

    22nd aprile 2020
      Tra i molteplici utilizzi dei ripetitori di segnale mobile, sicuramente uno dei più interessanti è quello che riguarda le barche, siano esse di grandi o piccole dimensioni. Come è noto le comunicazioni mobili a bordo di una nave sono un argomento complicato. E’ sempre difficile poter parlare o connettersi ad internet quando si è [...]
    maggiori info

    Problemi di connessione mobile? Cause e soluzioni

    31st gennaio 2020
    Chiamate perse o di bassa qualità voce e bassa velocità di connessione e di navigazione internet sono tutti problemi riconducibili ad un’unica causa: bassa copertura mobile. Le comunicazioni mobili e quindi tutti i servizi che quotidianamente utilizziamo si basano su delicati protocolli che possono funzionare solo se presente una livello di segnale sufficiente. Questi problemi [...]
    maggiori info