f Utilizzo dei ripetitori mobili nei COVID shelter - Stelladoradus

Utilizzo dei ripetitori mobili nei COVID shelter

14 gen 2021
1585141049077

La pandemia causata dal coronavirus SARS-COV-2, che causa il  COVID-19, ha messo in pericolo i nostri servizi sanitari pubblici e privati. La spaventosa capacità di diffusione del virus ha portato a migliaia di epidemie e milioni di infezioni.

Molti di questi, a causa della gravità dei sintomi, hanno richiesto il ricovero immediato, compreso il ricovero in unità di terapia intensiva. Tanto è vero che ospedali e centri sanitari in tutto il mondo sono arrivati al limite, incapaci di accogliere e curare un numero così elevato di pazienti allo stesso tempo.

Oltre a questo, è necessario proteggere e isolare le persone colpite e sfollate, fornendo loro riparo, cibo e servizi di base.

Queste esigenze hanno dato luogo alla creazione di rifugi temporanei o improvvisati, in edifici già esistenti, come rifugi, alberghi o centri di accoglienza, o in infrastrutture adeguate a tale situazione, come centri sportivi, scuole o centri fieristici.

Requisiti per un shelter temporaneo COVID-19

L’obiettivo principale degli shelter temporanei è, principalmente, fornire ai pazienti cure e riparo dal COVID-19 e, per adempiere a questa funzione, è necessario osservare almeno i seguenti punti:

  • Fornire aree separate per persone malate o sintomatiche e per i sani.
  • Garantire la fornitura di servizi essenziali (cibo, igiene, comunicazioni).
  • La capacità di fornire le cure mediche necessarie.
  • Monitoraggio dell’applicazione di specifiche norme igienico-sanitarie: utilizzo di maschere, gel idroalcolici e lavaggi frequenti delle mani.
  • Distanziamento sociale: devono garantire una distanza di almeno 1,5 metri tra le persone. La saturazione deve essere evitata.
  • La capacità di rilevare nuovi casi e indagare sulle storie dei contatti dei pazienti al fine di identificare nuovi focolai.

In queste condizioni di isolamento forzato, l’uso dei telefoni cellulari per rimanere in contatto con la famiglia e gli amici, per rimanere informati, o per lavoro e tempo libero, è della massima importanza.

Come abbiamo già accennato, questi rifugi sono spesso installati in infrastrutture che non sono mai state intese come strutture ricettive. Di conseguenza, il segnale mobile all’interno degli edifici può essere molto debole o addirittura inesistente. Grazie all’utilizzo di ripetitori di segnale mobile, la qualità del segnale mobile all’interno può essere radicalmente migliorata, assicurando che le persone siano ancora in grado di chiamare e connettersi a Internet.

1-4

Come può un ripetitore di segnale mobile aiutare la comunicazione in un rifugio temporaneo COVID-19?

Le caratteristiche dei seguenti tipi di edifici o infrastrutture utilizzati come rifugi temporanei COVID-19 possono impedire la ricezione del segnale mobile all’interno:

  • Centri sportivi: sono spesso costruiti o ricoperti con lamiere, che impediscono la trasmissione del segnale mobile.
  • Edifici fieristici: sono spesso costruiti con cemento armato e vetro con coperture metalliche che rendono difficile il passaggio del segnale.
  • Infrastrutture temporanee principalmente in metallo: il metallo è l’ostacolo principale per il segnale mobile qui.

I ripetitori di segnale mobile possono facilmente fornire un segnale per l’interno di questi edifici. Lo fanno canalizzando il segnale all’esterno dell’edificio per mezzo di un’antenna che di solito è posizionata da qualche parte in alto (come il tetto). Un cavo quindi indirizza il segnale all’interno dell’edificio, dove viene amplificato e distribuito tramite antenne interne. Eventuali elementi costruttivi problematici (lamiere, cemento, vetro, isolamento, ecc.) non costituiranno più una barriera al segnale mobile.

Anche il numero di persone presenti in questi rifugi non è un problema per un ripetitore di segnale mobile, poiché tutte le bande di frequenza possono essere amplificate in modo efficiente.

Per ottemperare alle normative europee, i ripetitori di segnale Stelladoradus sono omologati e marcati CE, il che ne consente l’utilizzo in tutta Europa. Sono progettati e prodotti in Irlanda, dove ogni ripetitore viene accuratamente testato per superare tutte le normative UE R.E.D. Grazie alla nostra vasta rete di distributori e installatori professionisti, possiamo assistervi in tutte le fasi dell’installazione.

Non esitare a contattarci per qualsiasi domanda. Ti forniremo la migliore soluzione possibile per la tua situazione.

Potrebbe piacerti anche ...